1^ Cat. Gir. B - Marinelli "Mi piacerebbe restare"

La finale col Poliminia
La finale col Poliminia

Bilancio stagionale, quali sono state le difficoltà maggiori?

Stagione esaltante, fantastica, siamo riusciti a centrare due obiettivi su due: Coppa e Promozione. Siamo stati in grado di battagliare fino alla fine con formazioni ben attrezzate come il Fasano e il Polimnia e penso che, probabilmente, siamo andati anche oltre le aspettative. Le difficoltà che abbiamo incontrato sono state sensibili ad iniziare dalla struttura sportiva dove abbiamo lavorato: senza impianto di illuminazione, con un terreno duro e sconnesso al limite della praticabilità; poi adeguarsi alla categoria con giocatori abituati ad altri palcoscenici e soprattutto senza la terna arbitrale, l’arbitro senza guardalinee è in serie difficoltà e ne risente tutta la gara. Noi, comunque e nonostante tutto, abbiamo sempre cercato di fare calcio, giocare a pallone con raziocinio e molto spesso ci siamo riusciti. 

Quali emozioni ha provato? Più contento della Coppa o della promozione?

Quest’anno le emozioni sono state tante, tutta la stagione ne è stata ricca:  dalle partite di campionato tirate e incerte fino alla fine, alle due finali disputate (Coppa e Play-Off). Emozioni diverse: alcune intense, altre forti e indelebili, difficili da poter descrivere con semplici parole ma comunque fantastiche. Vincere la Coppa ed ottenere la Promozione, nell’arco di due mesi, sono sullo stesso piano e non ho preferenze. Erano i due obiettivi stagionali e sono contento di averli raggiunti

Cosa ha avuto il Real in più rispetto alle altre squadre?

Sicuramente il gruppo, anche se non numeroso. Ragazzi fantastici, affiatati che hanno lavorato tra le difficoltà senza mai mollare. Un gruppo coeso e importante che ha dimostrato carattere e coraggio. Nelle situazioni più difficili tutti hanno dato il loro contributo. Anche chi ha giocato meno frequentemente, quando chiamato in causa, si è impegnato al massimo disputando gare di buon livello, sintomo di attaccamento alla maglia e serietà. Non trascurerei le capacità tecniche notevoli ed omogenee dei miei ragazzi che non ho riscontrato in altre compagini dove solo alcuni elementi sono sembrati dotati di tecnica rilevante. Infine ci siamo distinti anche da un punto di vista tattico. L’intelligenza tattica della squadra mi ha dato la possibilità di cambiare modulo a partita in corso e risolvere gare complicate. Ricordo in particolare le gare contro il San Marzano, il Polimnia (coppa e campionato), la cui variazione di modulo (iniziale 4-3-3 marchio di fabbrica) ci ha permesso di cambiare marcia e vincere. 

Di cosa avrebbe bisogno questa squadra per affrontare il campionato di promozione?

La squadra ha delle fondamenta solide che sono un ottimo punto di partenza per qualsiasi obiettivo futuro. Logicamente a seconda del tipo di campionato che si vuol affrontare possono essere  opportunamente  aggiunte le pedine nei vari reparti. Sicuramente c’è la necessità di visionare alcuni under da inserire nella rosa della prima squadra oltre a quelli già presenti. 

Il suo futuro?

Ad oggi non ho ricevuto nessuna richiesta da altre squadre, io sarei felice di rimanere qui e dare continuità ma con i giusti presupposti e mi riferisco in particolare alla struttura che quest’anno secondo me ci ha penalizzato oltremodo.

Ufficio Stampa Real San Giorgio

Paride Sgobba