Manduria, scoppia la grana Passariello

IamCalcio
IamCalcio

Piove sul bagnato in casa Manduria, mentre continuano a giungere gli strascichi di alcune gestioni scellerate che hanno condotto i bancoverdi alla retrocessione con largo anticipo. L’ultima mazzata arriva dal Collegio Arbitrale che ha accolto la vertenza dell'ex tecnico Passeriello, per mancato versamento delle competenze pari a circa 7500 euro che l’Ug Manduria avrebbe dovuto versare al tesserato relativamente al periodo 2012/13. Tra l’altro, l’ammenda è stata inasprita a causa delle mancate risposte ed inadempienze della vecchia gestione biancoverde, dimessasi in blocco prima delle vacanze natalizie.

Ora la patata bollente passa nelle mani dell’attuale sodalizio, che oltre al nodo stadio dovrà gestire quest’altra grana non di poco conto. E in un periodo di scarsa liquidità, di certo non rappresenta un inconveniente di poco conto. A proposito dell’impianto sportivo, si attendono nuove dal palazzo di città. D’altronde la partenza del nuovo corso biancoverde, dovrebbe partire proprio dalla disponibilità del manto verde, senza il quale continuare a fare calcio a Manduria sarebbe quasi impossibile. I papabili imprenditori con le voci che vorrebbero Blasi interessato ad una nuova acquisizione, attendono gli eventi prima di scoprire le carte.

Paride Sgobba